Kursaal e Palaturismo in degrado «Dateli gratis ai due Comuni» (Il Mattino)

La proposta di Federalberghi al presidente della Provincia Soranzo per il rilancio delle due strutture

KURSAAL-e1393491374311

I sindaci di Abano e Montegrotto pronti a gestirli: «Importanti per un progetto di turismo termale»

(Federico Franchin)
«Kursaal ad Abano e il Palaturismo a Montegrotto vengano trasferiti alle due amministrazioni comunali a titolo gratuito e con un vincolo di utilizzo turistico a vantaggio dell’interesse diffuso». A rilanciare la proposta al presidente della Provincia di Padova Enoch Soranzo, ente proprietario dei due immobili, è Emanuele Boaretto, presidente di Federalberghi Terme Abano Montegrotto. Da una parte il Kursaal attende che venga risolto il contenzioso tra la Provincia e il Cvcs, consorzio che si era aggiudicato la gestione dell’immobile, dal quale poi è scaturita la Kursaal Srl, società fallita, che ha portato da più di due anni alla chiusura della struttura. Dall’altra il Palaturismo è ormai inutilizzabile a causa delle infiltrazioni d’acqua che riguardano non più solamente la grande sala congressi, ma anche la saletta superiore dove venivano svolti i consigli comunali di Montegrotto.
«Vale la pena di ricordare che tutti questi edifici erano precedentemente in carico alla Regione e da questa sono stati trasferiti gratuitamente alla Provincia all’inizio degli anni 2000» sottolinea Boaretto, «Credo che cedere gratuitamente ai comuni, affinché si prendano l’incarico di rilanciarli, sia l’unica soluzione possibile per rivedere fiorire i due immobili. Non possiamo più tollerare il danno d’immagine creato dalla loro chiusura, data anche la loro posizione centrale. Se non si vuole cederli, faccio un’altra provocazione: vengano abbattuti». Sul Kursaal c’è stata in consiglio comunale ad Abano una interrogazione da parte della consigliera di maggioranza dei Cittadini per il Cambiamento, Lidia Pege, che aveva chiesto di spostare in posizioni più visibili e dignitose le statue collocate all’interno dei giardini del Kursaal, la cui gestione è passata da qualche mese al comune di Abano. Si tratta del busto di Arlecchino di Sartori e quello di Armando Diaz, quest’ultimo in condizioni di grande degrado. La Provincia, che tempo fa aveva spiegato come non fosse possibile secondo la legge fare regali ai due enti, aveva fatto effettuare delle perizie per valutare il valore dei due immobili nel caso decidesse di metterli in vendita. Il Kursaal era stato valutato 3.183.000 euro, mentre il Palaturismo 1.998.000 euro. «Se si tratta di acquisto la nostra risposta sarà no» spiega il sindaco di Abano Federico Barbierato, «Se la Provincia ce lo cedesse a costo zero, la nostra risposta è: magari. Siamo disponibili a qualsiasi soluzione condivisa con la Provincia. Va rilanciato il Gran Caffè delle Terme che deve diventare un locale elegante. Così come vanno rilanciate le sale teatro e congressi con eventi di cultura e spettacolo in sintonia con la nostra città. La cosa importante è che si sblocchi al più presto la situazione. Non basta la cura dei giardini».
Ha le idee chiare il sindaco di Montegrotto Riccardo Mortandello. «Siamo pronti a prenderci, ovviamente a costo zero, il Palaturismo, che dovrà essere rilanciato in un progetto che coinvolga anche il previsto auditorium di Padova e il Kursaal. Palaturismo e Kursaal potrebbero diventare delle succursali dell’auditorium di Padova in un progetto di turismo congressuale. La sistemazione di Kursaal e Palaturismo dovrebbe essere vista in un progetto che coinvolga l’Ogd Terme Colli, quella di Padova, la Dmo con la Camera di Commercio, l’Università e la Fiera. Andando assieme possiamo ottenere finanziamenti in Europa e in Regione per la manutenzione straordinaria degli immobili. Serve un progetto legato al turismo congressuale e agli eventi che devono svolgersi durante tutto l’anno, soprattutto nei periodi di bassa stagione turistica, un po’come avviene a Rimini».

main-logo
19 febbraio 2018

Share

Commenta col tuo profilo Facebook