Comune virtuoso, premio di mezzo milione (Il Mattino)

Il governo riconosce la progettualità dell'ente aponense e permette di utilizzare l'avanzo di bilancio: saranno sistemate villa Trevisan e l'ex Casa delle maestre

museo-internazionale

(Federico Franchin)
Il Comune di Abano chiede nuovi spazi finanziari al governo che concede all’Ente aponense di attingere dall’avanzo di amministrazione 488 mila euro per la realizzazione di due importanti opere. «L’ultima legge di stabilità consente agli enti locali di chiedere spazi finanziari concernenti il patto di solidarietà nazionale verticale», spiega il vicesindaco e assessore al Bilancio Francesco Pozza. «Entro il 20 gennaio gli enti locali potevano chiedere al Ministero dell’Economia di utilizzare questi spazi finanziari, sbloccando l’avanzo di amministrazione e favorendo così la realizzazione di opere programmate. Il patto di stabilità blocca infatti l’avanzo di amministrazione, ma la nuova legge di stabilità consente ai comuni attenti, virtuosi, che hanno una progettualità di chiedere lo sblocco dell’avanzo stesso per la realizzazione di opere entro la fine dell’anno». Il bilancio di previsione approvato entro la fine del 2017 ha messo il Comune di Abano in una posizione di vantaggio rispetto a molti altri enti. «Il Comune di Abano si è presentato con un piano triennale di interventi», rileva ancora Francesco Pozza. «Abbiamo messo in campo progetti e attività. Abbiamo ottenuto il 100% della somma richiesta che potremo usare per azioni di manutenzione». Il vicesindaco ha già individuato dove andare ad investire i soldi. “I 488 mila euro serviranno a finanziare i lavori di completamento della ristrutturazione dell’ex Casa delle Maestre, dove saranno ospitati alcuni uffici comunali. In più andremo a mettere in sicurezza Villa Trevisan Savioli, che ospita la cooperativa Nuova Idea, che segue persone con handicap. I soldi per queste opere erano già stati messi a bilancio, quindi li utilizzeremo per altri progetti importanti per la città che decideremo con calma, in base alle priorità». È ovviamente soddisfatto anche il sindaco Federico Barbierato: «È la prima volta che succede che il Comune di Abano venga premiato per la sua progettualità e che possa utilizzare quindi una parte dell’avanzo di amministrazione bloccata dal patto di stabilità», osserva. «Questa amministrazione si sta confermando come l’amministrazione del fare. A noi non interessano chiacchiere o voli pindarici. Noi andiamo al sodo e andiamo ad incidere dove possiamo senza scrivere libri dei sogni. E anche il governo centrale l’ha capito, concedendoci nuovi spazi finanziari».

main-logo
13 febbraio 2018

Share

Commenta col tuo profilo Facebook