Scazzottata in piazza tra un fan del sindaco e un ultrà di Impegno (Il Mattino)

Montegrotto, rissa allo spettacolo delle Fontane danzanti

Unknown

Ivano Baraldo finisce all’ospedale con una lesione all’occhio

(Federico Franchin)
Doveva essere un Santo Stefano dedicato allo spettacolo delle fontane danzanti e invece in piazza Primo Maggio, martedì pomeriggio, è andata in scena una rissa degna delle peggiori curve da stadio.
Alla faccia allo spirito natalizio, il pomeriggio si è trasformato in un regolamento di conti “politici” tra i rappresentanti di due diverse fazioni. Da una parte il geometra Ivano Baraldo, noto su Facebook come difensore della giunta e del sindaco Riccardo Mortandello, dall’altra Fabrizio Gasparinetti, supporter di “Impegno per Montegrotto”, neonata civica che annovera tra gli iscritti i consiglieri del gruppo Misto Biagio De Salvo e Dennj Besenzi. Una resa dei conti avvenuta all’imbrunire di fronte a centinaia di persone, che hanno assistito incredule alla zuffa. Al termine della quale ad avere la peggio è stato Ivano Baraldo, finito al Pronto Soccorso a Padova dov’è ricoverato: la diagnosi dei medici parla di lesione alla cornea destra e scompenso cardiaco.
La vicenda ha avuto inizio quando i due si sono trovati uno accanto all’altro a seguire lo spettacolo delle fontane danzanti. Dopo essersi scambiati delle battute piccanti e delle offese personali, i due sono venuti alle mani. Per primo a dimenarsi è stato Baraldo che, dopo aver spintonato via Gasparinetti, sentendosi a suo dire braccato, ha ricevuto un paio di pugni ad un occhio. «Mi sono sentito il fiato sul collo e ho allontanato Gasparinetti», spiega il geometra. «L’ho spintonato via e lui mi ha aggredito rifilandomi un paio di cazzotti all’occhio. Poteva andarmi peggio. Ci eravamo beccati nell’ultimo periodo su Fb, ma non avrei mai pensato che arrivasse a darmi dei pugni in faccia».
La zuffa ha scatenato subito le reazioni. «Solidarietà e vicinanza al concittadino rimasto vittima di una brutale aggressione», commenta il sindaco Riccardo Mortandello. «Preso ferocemente a pugni in faccia da parte di un facinoroso omuncolo che presto verrà identificato da chi di dovere. Il tutto a causa delle sue opinioni personali espresse sui social. Nel frattempo qualcuno, complice dell’accaduto, sempre sui social ha già messo le mani avanti per sgravarsi delle responsabilità rispetto a quanto avvenuto. Vigileremo su questa gravissima vicenda senza farci intimorire da chi è solo profeta di odio e violenza». Non si è fatta attendere la presa di posizione del direttivo di “Impegno per Montegrotto”. «Condanniamo la violenza da qualsiasi parte essa derivi e per qualsiasi motivo essa venga perpetrata», dicono dalla civica. «Se finiranno gli attacchi ad personam, se si comincerà a dialogare nel pieno rispetto della logica democratica, terminerà questo stato di tensione perenne e ne guadagnerà tutto il paese». Gasparinetti si è affidato all’avvocato Salvatore Frattallone di Padova. «Ho già inviato una diffida ad Ivano Baraldo a tenere un comportamento urbano consono, a non offendere e a non aggredire fisicamente gli altri. È stato lui ad offendere e ad alzare le mani per primo. Il mio assistito è stato costretto a reagire dopo essere stato aggredito e spintonato duramente».

main-logo
28 dicembre 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook