L’Abano strappa il 2-2 al Belluno big del girone (Il Mattino)

Segnali di speranza nella corsa salvezza prima della pausa natalizia per mister Franco Gabrieli

25348543_1894780190549493_6529625915368731697_n

(Francesco Vigato)
L’Abano, se non altro, potrà godersi le feste natalizie con una buona dose di speranza. La salvezza, infatti, passa anche attraverso i punti strappati alle big del girone e, di conseguenza, il 2-2 raccolto fra le mura amiche con il Belluno potrebbe fornire ulteriori energie nervose per risalire la china. I neroverdi, allo stadio delle Terme, dimostrano fin dai primi minuti di avere la forza necessaria per farsi valere, soprattutto con l’esterno Damiano Franceschini, bravo a sorprendere la retroguardia ospite con un destro a giro che colpisce la traversa prima di rimbalzare a una spanna dalla linea di porta. Il Belluno, però, non ci mette troppo a ristabilire le gerarchie: alla prima occasione utile, Daniele Rocco trova la serpentina perfetta e poi infila Bettin in diagonale. 0-1. A dire il vero, succede poco altro fino al 27′, quando l’Abano riesce pure a pareggiare: nell’occasione Franceschini riprova la parabola velenosa e costringe Vencato al tuffo. Sulla respinta si avventa Boreggio che rimette il pallone in mezzo per Cecconello, pronto al tap in. La gioia aponense dura pochissimo: un minuto più tardi il solito Rocco, su punizione, calcia dritto per dritto e trova l’1-2. Nel finale del primo tempo lo stesso bomber dei bellunesi prova a beffare Castaldo (entrato al posto dell’infortunato Bettin) con un destro angolato che termina a lato. Nella ripresa l’Abano ha il piglio di chi non vuole lasciare ancora punti per strada. Franceschini insiste sulla sinistra, anche se le sue sgroppate vengono smorzate in qualche modo dai difensori gialloblù. Dall’altra parte, Rocco si dimostra un’arma devastante, soprattutto in profondità: è il 52′, infatti, quando l’ex Thermal si fionda sul pallone puntando Castaldo, abile però a chiudergli lo specchio della porta. Al 61’la volèe di Gashi non è granché, almeno quanto la rovesciata di Rocco sul cross di Corbanese (64′). Decisamente più interessante l’ennesima incursione sulla sinistra di Franceschini che, al 66′, colpisce il palo fra lo stupore generale. Poco male, perché i neroverdi festeggiano al 73’con un calcio d’angolo di Boreggio che trova la deviazione di Carteri all’altezza del primo palo e termina in rete con la complicità della mischia. Spogliatoi. Nel post partita, il tecnico dell’Abano Franco Gabrieli si gode il pareggio, seppure con qualche riserva: «Abbiamo disputato un’ottima partita», commenta. «Per come si era messa il pari può anche andar bene ma, forse, avremmo meritato qualcosa in più». Poi aggiunge: «Questa squadra è in crescita e, spesso e volentieri, è riuscita a mettere sotto il Belluno». Nel frattempo, la società neroverde ha svincolato Cristian Daminuta, che ha scelto di curarsi all’estero. Lo stopper romeno era arrivato a novembre, dando pure ottime garanzie al reparto arretrato.

main-logo
18 dicembre 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook