«Questo Dup è duplicato sembra quello di Sassuolo» (Il Mattino)

Lazzaretto punta il dito sul Documento Unico di Programmazione

dup

Bano: «Una leggerezza». Pozza spiega: «Abbiamo usato un software standard»

(Federico Franchinw)
Prima le accuse di plagio da parte della lista civica di opposizione 35zero31. Poi, il giorno dopo, i chiarimenti da parte dell’assessore al Bilancio Francesco Pozza. Quella tra mercoledì e giovedì è stata una notte fatta di mille domande sulla redazione del Dup (Documento Unico di Programmazione) da parte dell’amministrazione. Un Dup, documento che ogni Comune deve approvare per disegnare le linee guida che caratterizzeranno l’attività nell’anno successivo, che, secondo la civica 35zero31, sarebbe stato copiato di sana pianta dal Comune di Sassuolo, in provincia di Modena. Come comune denominatore l’appartenenza politica del sindaco, Claudio Pistoni, del Pd, e il colore delle maglie di calcio delle due squadre, neroverdi entrambe. «Le prime 6-7 pagine, che contengono il saluto del sindaco e l’introduzione sono esattamente uguali al Dup del Comune di Sassuolo», ha detto in consiglio la leader di 35zero31 Monica Lazzaretto. «Quando l’ho letto mi sono subito stupita del cambio di passo che quel Dup stava dando alla città. Da insegnante, attenta alle eventuali scopiazzature degli alunni, sono voluta così andare a fondo. Così ho digitato su Google le prime due righe del saluto del sindaco e mi è venuto fuori il Dup del Comune di Sassuolo. Il saluto del sindaco è lo stesso del sindaco di Sassuolo. Nel Dup si è fatta appena la fatica di cambiare i dati. Anche la veste grafica, con i bordi azzurri, è la stessa usata dal Comune emiliano, con il quale a questo punto suggerisco di instaurare un gemellaggio». In consiglio l’unico a rispondere alle accuse di plagio è stato l’assessore ai Lavori Pubblici Gian Pietro Bano, che ha parlato di leggerezza da parte dei funzionari. Ieri pomeriggio però è spettato al vicesindaco, nonché assessore al Bilancio, Francesco Pozza fare chiarezza sulla questione. «Ogni Comune, per la redazione del Dup acquista un software, che riproduce in forma standard la parte introduttiva e il saluto del sindaco. Il saluto del primo cittadino infatti non è firmato Federico Barbierato ad Abano e Claudio Pistoni a Sassuolo, bensì “il sindaco”. Il nostro Dup pare copiato da quello di Sassuolo solo perché l’ente emiliano l’ha approvato una quindicina di giorni prima di noi. Da qui in avanti si potranno notare Dup simili nello schema e nelle parti standard. Cambieranno invece i dati relativi ad ogni Comune. Questo perché tutti i Comuni hanno in dotazione lo stesso software. Quindi non c’è stato alcun plagio e nessun copia-incolla».

main-logo
1° dicembre 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook