Non residenti beccati mentre lasciano i rifiuti (Il Mattino)

Prime sanzioni irrogate ad Abano: possono arrivare a 300 euro

immondizie

(Federico Franchin)
Scattano le prime sanzioni per il nomadismo dei rifiuti nel territorio di Abano da parte di persone residenti nei comuni contermini. La Polizia locale di Abano ha individuato negli ultimi giorni due soggetti intenti ad abbandonare rifiuti nel territorio di Abano senza averne titolo. «Li abbiamo scoperti attraverso l’attività effettuata in borghese da parte dei nostri agenti», spiega la comandante della Municipale di Abano Francesca Aufiero. «Li abbiamo beccati in flagrante a Monteortone. Ora nei loro confronti verrà elevata una sanzione che può arrivare anche fino a 300 euro». È proprio Monteortone, e in particolare la zona del parcheggio dello Stadio delle Terme, ad essere in questo periodo la frazione più bersagliata dall’abbandono dei rifiuti. È di un paio di giorni fa la scena che si sono ritrovati di fronte alcuni residenti del quartiere, quando sono andati a conferire la spazzatura nei bidoncini. Accanto ai cassonetti c’erano infatti un paio di sacchetti trasparenti recanti la scritta Comune di Teolo, segno che qualche residente del vicino comune collinare ha deciso di abbandonare i propri rifiuti ad Abano, nella speranza di non essere beccato. «Siamo in presenza di una situazione che possiamo definire di emergenza», osserva il sindaco di Abano Federico Barbierato. «Ci sono zone e parcheggi che vengono costantemente presi di mira. Non possiamo tollerare di vedere Abano in preda a rifiuti ingombranti e che non derivano dal nostro comune. Con la Municipale valuteremo un inasprimento delle pene per chi fa il furbetto». «L’abbandono dei rifiuti comporta all’incirca una spesa ulteriore, extra, di 300 mila euro», aggiunge Simone Norbiato, responsabile dei servizi ambientali per Padova e provincia di AcegasApsAmga, la ditta che ha in appalto il servizio di asporto rifiuti nel comune di Abano. »In questi 300 mila euro pesano non solo i rifiuti abbandonati dai residenti dei comuni contermini, ma anche quelli lasciati fuori dai cassonetti dagli aponensi. Il fenomeno è in diminuzione nelle frazioni dove abbiamo intrapreso il servizio di raccolta porta a porta. Abbiamo notato che a Giarre, Feriole e Monterosso è praticamente scomparso il nomadismo dei rifiuti. So che allo studio da parte dell’amministrazione c’è l’installazione di alcune telecamere. Noi, come AcegasApsAmga, abbiamo di recente installato 5 piantane che invitano i cittadini a non abbandonare i rifiuti”.

main-logo
27 luglio 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook