L’hotel Orologio riapre i battenti, quattro candidati per la gestione (Il Mattino)

L'Enpam, proprietaria del complesso alberghiero e termale simbolo di Abano, sta valutando le offerte

hotel-orologio

Entro fine mese la scelta. Subito dopo, la sistemazione delle strutture ricettive chiuse da quasi 20 anni

(Federico Franchin)
L’Hotel Orologio riaprirà i battenti. Per lo storico albergo di Abano, chiuso ormai dal 2000, ci sono sul tavolo dell’Enpam, la Fondazione dei Medici proprietaria dell’immobile, quattro offerte per rilevarne la gestione. La certezza è che il simbolo degli anni d’oro di Abano, situato in piena isola pedonale, riaprirà come hotel a cinque stelle-lusso. Resta da definire solamente chi sarà il gestore.
«Il tempo delle trattative si è concluso», spiegano da Enpam, la fondazione dei Medici che è proprietaria ad Abano degli hotel dismessi Orologio e Magnolia e a Montegrotto degli hotel abbandonati Caesar e Montecarlo e dell’albergo Des Bains, attualmente in funzione. «Sono giunte quattro offerte per la struttura, una delle quali prevede una doppia gestione, l’Orologio e un altro albergo di nostra proprietà (il Montecarlo, ndr). Da qui a fine luglio verranno analizzate nel dettaglio le varie offerte e poi verrà presa una decisione. Verrà scelto il gestore che offre più garanzie di solidità economica e che possa prospettare una gestione duratura». «Da parte nostra non conta tanto quanti lavori verranno effettuati sulla struttura, che potranno in parte anche spettare a noi, bensì che la gestione vada avanti per moltissimi anni», aggiungono da Enpam. «Noi, con gli introiti derivanti dalla cessione in gestione dell’Hotel Orologio, riusciremo ad avere fondi per pagare le pensioni. Non possiamo pensare di impostare un ragionamento che si interrompa dopo un paio di anni».
Servirà un restyling che non riguarderà ovviamente la storica facciata dell’albergo, sulla quale c’è un vincolo della Soprintendenza, che subirà solamente una “rinfrescata”, mentre il resto dell’albergo, valutato dall’Enpam 15.575.000 euro, sarà rimesso in piedi in uno stile più moderno.I tempi però non saranno brevi, tanto che potrebbe volerci almeno un anno per rimettere in piedi l’Orologio. Non sono emerse indiscrezioni sui possibili canoni d’affitto e sul nome delle società interessate a rilevarne la gestione. «La riapertura dell’Orologio sarebbe una grande cosa», rileva il sindaco di Abano Federico Barbierato. «Chiederò al più presto un incontro all’Enpam per capire lo stato dell’arte. Ci auguriamo che finalmente si possa arrivare a una conclusione di uno dei problemi di Abano. Voglio capire quali sono le offerte che hanno in mano e chi sarà il nuovo gestore».
«Il fatto che potrebbe a breve tornare in auge uno dei simboli di Abano è certamente una bella notizia», conclude il sindaco. «La rinascita dell’Hotel Orologio rilancerà tutta la zona del centro. Si recupera una parte di storia e quindi si tratta di un’operazione storica in tutti i sensi. Il recupero degli hotel dismessi fa parte delle nostre priorità».©RIPRODUZIONE RISERVATA

main-logo
11 luglio 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook