Mortandello contro tutti «Partiti fuori dall’Ogd» (Il Mattino)

Gestione del turismo, il sindaco di Montegrotto attacca Barbierato e Boccardo

Schermata 2017-06-01 alle 10.05.44

«Rappresentano potentati che vogliono fare di Abano la periferia in di Padova»

(Federico Franchin)
Nel tentativo di difendere il suo operato e l’attività dell’Ogd (Organizzazione di Gestione della Destinazione), che ha messo in piedi e che guida, il sindaco di Montegrotto Riccardo Mortandello se la prende con tutti: dai candidati sindaco di Abano, Emanuele Boccardo e Federico Barbierato, che oggi non saranno presenti all’incontro da lui promosso proprio per parlare di Ogd, alle categorie economiche, Ascom e albergatori in primis, passando addirittura per Massimo Bitonci, ex sindaco di Padova e la sua Ogd.Agli albergatori, che hanno evidenziato l’immobilismo dell’Ogd Terme e Colli, strumento previsto dalla Regione per la promozione e il marketing turistico, risponde il sindaco di Montegrotto. «Li rassereno – afferma Mortandello – dicendo loro che un cambio di passo dell’Ogd è imminente, anche in conseguenza della prossima individuazione dello staff che attuerà quanto concordato nel documento strategico e che garantirà un minimo di struttura organizzativa. Stiamo guardando verso una gestione del territorio che deve escludere gli interessi di partito e di potenti gruppi economici. La scelta dell’Ogd del perimetro Terme e Colli è assolutamente coerente con il piano Engl, copiosamente finanziato qualche anno fa, ed esprime una visione moderna e rinnovata del concetto di terme, abbinato a tutto ciò che migliora la qualità della vita e che si può trovare nei comuni del Parco dei Colli Euganei: cultura, enogastronomia, sport». Le stoccate più forti sono però per i candidati sindaco Boccardo e Barbierato e per Bitonci. «Appare chiaro che le forze economiche e i centri di interesse consolidati, che sostengono i candidati a sindaco Boccardo e Barbierato, ipotizzano un futuro diverso dalla classica vocazione turistico/termale, magari più orientato al residenziale di qualità. C’è da chiedersi se questi ultimi forse mirino a far diventare Abano la periferia “in” di Padova? La nostra Ogd ha avuto un percorso seguito e avvallato, oltre che dalla Regione, anche da quelle categorie economiche, Ascom in primis, che vedeva come direttore, qualche mese fa, proprio il candidato del centrosinistra Barbierato. La nostra Ogd è migliore di quella farlocca della città di Padova, targata Lega Nord, istituita quasi in automatico sulla documentazione disponibile in rete, schiava di lottizzazioni politiche ed economiche degne della peggiore Prima Repubblica».

main-logo
1° giugno 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook