Le festività di aprile aprono la stagione delle Terme Euganee sotto i migliori auspici

55-molinobuja-abano-fb-19

Inizia nel migliore dei modi l’apertura di stagione per gli hotel delle Thermae Abano Montegrotto con il mese di aprile scandito da un susseguirsi di giorni di vacanza grazie alle festività di Pasqua, del ponte del 25 aprile e del 1° maggio.
“Ci attendono quindici giorni di grande affluenza, con occupazione che supera il 90% in quasi tutte le strutture del Bacino Termale Euganeo – spiega Emanuele Boaretto, Presidente di Federalberghi Terme Abano Montegrotto. –
Moltissimi gli italiani che hanno prenotato per i prossimi giorni, soprattutto famiglie che approfittano della chiusura delle scuole. Il meteo non sembra essere del tutto rassicurante e questo consente alle Terme di essere tra le mete più congeniali anche in caso di cattivo tempo. In questi giorni sono già arrivati numerosi francesi che hanno iniziato prima le vacanze pasquali, ma nei prossimi giorni ci attendiamo anche i turisti di lingua tedesca.
In linea di massima la stagione è partita bene dal punto di vista delle presenze turistiche e ci fa piacere che le Terme Euganee siano prese sempre più come riferimento per l’offerta termale e benessere tanto da ritornare leader a livello nazionale per quanto concerne i flussi turistici legati a questo tipo di vacanza.
Al solito, l’unico neo è quello relativo al minimo di soggiorno dal momento che, anche in un periodo in cui potrebbero concretizzarsi le due settimane di vacanza unendo i ponti, registriamo la preferenza da parte dell’ospite italiano di concentrare la sua esperienza alle terme nei giorni del weekend, con scarso interesse per le cure fangoterapiche.
A questo si aggiunge il fatto che, purtroppo, il mantenimento di un livello eccellente dei servizi alla clientela comporti costi davvero elevati e i margini aziendali non riescono a dare le stesse soddisfazioni delle presenze turistiche”.
Confermano la tendenza positiva espressa anche i dati nazionali emessi da Federalberghi che prevedono quasi 10 milioni di italiani in viaggio per la Pasqua 2017, con un incremento del 2,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Tra questi, la stragrande maggioranza (il 93%), sceglierà di rimanere in Italia.
Resta cauto il Presidente Bernabo Bocca su questi segnali positivi, ma pur sempre episodici, sollevando le problematiche che il turismo italiano sta vivendo attualmente:
“Le imprese del settore chiedono a gran voce misure concrete volte a contrastare l’abusivismo, ridurre la pressione fiscale, potenziare le infrastrutture. Ultimo ma non meno importante, a quasi un mese dall’abrogazione dei voucher, siamo ancora in attesa dello strumento alternativo che dovrà mettere le imprese in condizione di far fronte alle esigenze di flessibilità imposte dal mercato.”

Ufficio Stampa
Federalberghi Terme Abano Montegrotto

Share

Commenta col tuo profilo Facebook