«Aiuto, sigillata fioreria col mastice» (Il Gazzettino)

boschetto_dafne

(Eugenio Garzotto)
Perseguitata da misteriosi vandali. Quattro episodi in pochi mesi. L’ultimo ieri mattina, quando ha trovato le serrature delle due entrate del suo negozio bloccate da una colla speciale. Ai Vigili del fuoco di Abano Terme sono state necessarie oltre due ore di lavoro per svitare il blocchetto in acciaio dell’ingresso senza danneggiare la porta principale. Era decisamente arrabbiata e sconcertata Alessia Celadin, titolare della fioreria Il Boschetto di Dafne in via Santuario, nella frazione di Monteortone. Chi le ha fatto l’ennesimo dispetto ha usato un mastice di tipo molto sofisticato, del tutto diverso da altri prodotti del genere in commercio: una sostanza che, appena entrata in contatto con i meccanismi interni delle due serrature (quella dell’ingresso e dell’entrata secondaria) li ha letteralmente cristallizzati. «A questo punto sono intenzionata anche a presentare denuncia ai carabinieri», ha dichiarato quando ha potuto finalmente entrare in negozio, verso le undici e mezza del mattino. «Non è piacevole sentirsi presa di mira». La fioreria è aperta da nove anni ma da alcuni mesi è finita nel mirino di ignoti. «Le altre tre volte, ho trovato bloccata con la colla la catena con la quale ogni sera chiudo il piccolo parcheggio del condominio, uno spazio per le auto riservato solo ai residenti e ai titolari dei negozi. Lo faccio perché sono l’ultima ad andare via. Forse questo infastidisce qualcuno che, senza averne titolo, vuole piazzarci la macchina». Un conto, però, è dover sbloccare una catena; un altro, essere costretta a chiamare il 115 e richiedere l’intervento dei pompieri. Anch’essi perplessi e stupiti dalla tenacia di quel mastice. «Ho subìto un danno economico considerevole», ha lamentato la negoziante. «Per l’intera mattinata la fioreria è rimasta chiusa, in una giornata in cui i clienti sono particolarmente numerosi. Inoltre, ho passato ore per trovare un fabbro che venisse a sostituire le serrature, il che di sabato non è facile. Ora mi sono stancata», ha concluso; «di questa storia si occuperanno i carabinieri».

logo_gazzettino
29 gennaio 2017

Share

Commenta col tuo profilo Facebook